Musica

10 motivi per ascoltare Musica a Lavoro

di Sara Negrosini 

Se stai leggendo questo articolo sul posto di lavoro, c’è una buona probabilità che stai indossando le cuffie. Molte sono le persone che dichiarano di dover necessariamente ascoltare musica mentre studiano o lavorano.

Allo stesso tempo, però, tanti sostengono di non riuscire minimamente a concentrarsi ascoltando qualsiasi nota musicale, considerata così fattore distraente.

Mentre la musica suona, molti centri cerebrali si attivano in modo differente. Tutto dipende se quel suono è per noi familiare o nuova, felice o triste o in una tonalità maggiore o minore.

Diverse ricerche hanno ormai appurato che la musica migliora le prestazioni lavorative.

Ma come si dovrebbe scegliere la migliore colonna sonora per un determinato compito? Quali benefici si potrebbero ricavare?

 

{1}  Rende operazioni ripetitive più divertenti e più facili: alcune ricerche hanno dimostrato che la musica si concilia meglio con le attività ripetitive che richiedono attenzione.

{2} Aumenta la nostra capacità multitasking: tutte le risorse cognitive che il vostro cervello spende nella comprensione di testi, tutte le emozioni che vengono attivate ​​da una canzone, aiutano le capacità lavorative.

{3} Può farti sentire più energico e migliorare lo stato d’animo: la musica ha la capacità di andare a stimolare la dopamina (neurotrasmettitore cerebrale) e rilasciare così, a livello corporeo, una maggiore energia che renderà il tuo umore in sintonia con il tuo corpo e la tua mente.

{4} E’ utile per soffocare i rumori di fondo di distrazione: il trucco è quello di scegliere la musica con attenzione, e abbinarla al compito. Per una spinta cognitiva, scegliere canzoni strumentali che non abbiano testi.

{5} Migliora le abilità cognitive: l’ascolto costante di canzoni che non hanno picchi “emotivi” o che non comportino cambiamenti di umore, migliora alcuni semplici abilità cognitive.

{6} Aumenta la concentrazione: ascoltare un suono familiare richiede meno attenzione e permette così un aumento della capacità di concentrazione sul lavoro da svolgere. 

{7} Relax: ognuno di noi ha un genere musicale che placa la rabbia o l’ansia. La musica ambient, e la variante moderna Chillout Elettronica risulta utile per rilassare la mente e permettergli di vagare, fornendo al contempo sufficiente stimolo per la registrazione di nuove informazioni.

{8} Aiuta a rimanere positivo: la musica è un aiuto eccezionale che interagisce positivamente sul nostro umore, divenendo una valida terapia alla risoluzione dei problemi e delle angosce.

{9} Aiuta a far scorrere il tempo: quando ascoltiamo la musica, il tempo sembra scorrere molto più velocemente. Provate a pensare quanto sarebbero lunghe le nostre giornate se non ascoltassimo nemmeno una nota musicale!

{10} Stimola la creatività: le immagini suscitate da una musica o da una canzone aumentano le nostre capacità oniriche e creative.

 

 

Condividi:
Sara Negrosini

Sara Negrosini

Psicologa - Psicosessuologa - Specializzanda in Psicoterapia ad approccio umanista-bioenergetico