Un compagno di classe a 4 zampe

• di Cinzia Correale •

Si conclude domani il progetto “Un compagno di classe a 4 zampe”, svolto presso una terza elementare dell’Istituto Comprensivo “Elsa Morante” a Roma. Una serie di 5 incontri volti alla conoscenza del mondo animale attraverso la relazione con due ospiti di eccezione: Brenno e Otello.

 

Brenno - cane
Brenno
Otello - cane
Otello

Questo progetto è stato pensato per stimolare le capacità di lettura e di comprensione delle emozioni nei bambini (9-10 anni), focalizzando l’attenzione soprattutto sul canale non verbale. Grazie all’ausilio di Lara Crescimbene, K-9 Italy Chief Manager, K-9 Italy Dog Partner (Coadiutore del cane), fondatrice di K-9 Italy, e di Michela Colazzo, educatrice e K-9 Italy Dog-Human Mediator (Referente d’intervento), i bambini hanno imparato qualcosa di più sui loro amici animali, ma soprattutto su loro stessi.

I 5 incontri sono stati organizzati in maniera da stabilire un crescendo di conoscenze e nozioni, non solo teoriche, ma fondamentalmente pratiche. Dall’evoluzione del lupo, si è passato a “conoscere il mondo con il naso”, come fanno Brenno e Otello, per poi imparare a comunicare attraverso il linguaggio non verbale. Una bella sfida per i bambini, che durante il terzo incontro si sono dovuti identificare e adeguare alle modalità comunicative degli animali, portando a termine con successo il compito assegnato.

Durante il quarto incontro è stato sviluppato un laboratorio di gioco creativo: i ragazzi si sono cimentati in racconti e disegni su tematiche volte ad approfondire il loro concetto di “integrazione del diverso“. Sono emersi concetti e nozioni su come contrastare il bullismo ed essere amici nonostante la diversità, ispirati soprattutto dalle differenze fisiche e caratteriali di Brenno e Otello, che sono emersi in tutti i racconti e le storie create.

L’incontro di domani sarà concentrato sul concetto di “Prendersi cura di…”, in questo caso del cane. Un gioco di ruolo importante per i bimbi nell’affermare le competenze acquisite fino a questo momento nella relazione e cura degli animali che hanno conosciuto e di quelli che possiedono nelle loro stesse case.

Tutto il progetto è stato svolto sotto l’attenta supervisione della Dott.ssa Francesca Cirulli, primo ricercatore di Neuroscienze Comportamentali dell’Istituto Superiore di Sanità. Tutti gli incontri sono stati svolti in presenza della Dott.ssa Cinzia Correale, che osservava in maniera ecologica e silente il contesto, le attività e le interazioni, tenendone nota in un diario secondo le tecniche di osservazione del comportamento infantile. Al fine della raccolta dati e della ricerca scientifica, sono stati somministrati questionari agli insegnanti (SDQ – full version) sulle capacità e difficoltà degli alunni, che verranno poi  riproposti al termine delle attività per verificarne l’efficacia.

 

Per qualsiasi ulteriore informazione in merito ai progetti di Interventi Assistiti con Animali, potete rivolgervi al sito dell’Istituto Superiore di Sanità. 

Condividi:
Cinzia Correale

Cinzia Correale

Psicologa Clinica – Esperta in Interventi Assistiti con Animali, Infanzia e Famiglia.